[Daniele]: Golegã – Tomar

[29 giugno 2018 – 21° giorno] Percorsi oggi: 31 Km, in totale 773 Km

Il Convento do Cristo, un luogo di una bellezza e magnificenza straordinaria. Vi sono raccolti 400 anni di storia dell’arte portoghese. C’è tutta una simbologia e un misticismo che difficilmente si possono incontrare altrove se non qui, in quello che è stato per secoli uno dei quartier generali dell’ordine Templare

29 giugno 2018

Partenza alle ore 8.10 circa dopo colazione in tutta calma, come piace a Valeria. Con l’abitato di Golegã alle spalle, attraversiamo gli ultimi km di campi coltivati per poi iniziare una moderata salita che porta tra i colli, i primi incontrati dopo Lisbona. Il Cammino procede su strada bianca, in mezzo a una fitta vegetazione boschiva caratterizzata dalla costante presenza di querce da sughero ed eucalipto. Anche qui, come in Galizia e in altre parti della Spagna, le coltivazioni di eucalipto hanno preso il posto degli alberi autoctoni trasformando il paesaggio. L’eucalipto viene coltivato per il legno, è una pianta redditizia perché cresce molto rapidamente. Purtroppo, però, drena completamente il suolo, assorbendo tutte le risorse. Dove cresce l’eucalipto, non cresce nient’altro.

Boschi di eucalipto

Superiamo gli abitati di Atalaia e di Asseiceira, dove pranziamo con pane, formaggio e peperoni crudi, seduti all’ombra di una vecchia chiesa di fronte alla quale si erge un enorme otre utilizzato un tempo per la conservazione dell’olio o delle olive. Almeno credo.

Otre per la conservazione dell’olio

Dopo gli ultimi km di saliscendi arriviamo finalmente a Tomar, un tempo roccaforte dei Templari. Qui, da non perdere assolutamente, è il Convento do Cristo, un luogo di una bellezza e magnificenza straordinaria. Vi sono raccolti 400 anni di storia dell’arte e degli stili architettonici portoghesi, che si possono ammirare gli uni sovrapposti agli altri. C’è molto di più, tutta una simbologia e un misticismo che difficilmente si possono incontrare altrove se non qui, in quello che è stato per secoli uno dei quartier generali dell’ordine Templare.

Convento do Cristo, Tomar

Io, senza reali strumenti culturali e le informazioni per cogliere i dettagli di questo luogo magico, mi limito ad ammirarne la sua bellezza decadente e grondante di storia, ad immaginarmi come deve essere stata la vita qui secoli fa, a rimanere a bocca aperta di fronte alla pietra, modellata come fosse stoffa, ai claustri austeri, alle torri e alle colonne intrecciate che potrebbero tranquillamente fare da scenario ad un racconto dark fantasy medievale.

Convento do Cristo, Tomar

LEGGI IL DIARIO DI VALERIA DI QUESTA GIORNATA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...