[Daniele]: Fatima – Alvaiàzere

[1 luglio 2018 – 23° giorno] Percorsi oggi: 41 Km, in totale 844 Km

Troviamo alloggio presso il rifugio di Carlos Pinheiro noto per possedere uno dei timbri più belli del Cammino. In cera lacca.

1 luglio 2018

Oggi c’era bisogno di prendere una decisione.
Per tornare sul Cammino, da Fatima, ci sono 2 possibilità: la prima è muoversi verso l’interno affidandosi a Maps e ritornare sul tracciato in 2 giorni senza sapere bene come sarebbe stato il percorso e dove avremmo trovato alloggio. La seconda, muoversi in diagonale per raggiungere il percorso segnalato in 1 giorno, arrivando ad Alvaiazere, un po’ più lunga ma con la certezza di trovare un rifugio per la notte e di camminare il giorno seguente sul sentiero tracciato più sicuro. La prima opzione comporta il dover camminare 2 giorni per 30 km, la seconda 1 giorno per 41 km. Ho preso io la decisione e ho scelto quella che ho reputato migliore, la seconda. So che a Valeria, fare 40 o più km non piace o meglio, pensa che non sarebbe mai in grado. 
Ho camminato tante volte con lei per Milano, per i monti, in innumerevoli passeggiate. Non avrei scelto di fare i 40 km se avessi pensato che non sarebbe stata in grado. Partiamo da Fatima tardi, alle 8:10. Iniziamo a seguire Maps che ci porta dapprima su qualche sterrato, poi su strada. Il percorso è perlopiù pianeggiante, ombreggiato e fresco. Attraversiamo una lunghissima schiera di abitati e piccoli villaggi disabitati o semideserti. Capita di trovare un bar o un benzinaio aperto. Ne approfittiamo per rinfocillarci e bere.

Sulla via per Alvaiàzere

Un po’ di stanchezza inizia a farsi sentire dopo i 30 km quando dico a Valeria che ne mancano altri 10, lei non lo sapeva. Andiamo avanti, iniziamo ad incontrare le frecce gialle che ci dicono che siamo tornati sul Cammino. Le seguiamo fino a Alvaiazere che con calma raggiungiamo. Troviamo alloggio presso il rifugio di Carlos Pinheiro, molto accogliente e noto per possedere uno dei timbri più belli del Cammino. In cera lacca.

Carlos Pinheiro mentre appone i suoi timbri

Valeria è molto contenta di essere arrivata e così anche io.

La ragazza con l’asciugamano di spugna

LEGGI IL DIARIO DI VALERIA DI QUESTA GIORNATA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...